Consigli di viaggio

 

Prima di intraprendere qualsiasi tipo di viaggio all’estero, consigliamo la consultazione del sito del “Ministero degli Affari Esteri” e dell’Unità di Crisi http://www.viaggiaresicuri.it  e di segnalare il proprio viaggio all’estero sul sitohttp://www.dovesiamonelmondo.it

Chi viaggia all’estero deve considerare che si porrà in contatto con ambienti e società anche molto dissimili da quelle occidentali e che pertanto è necessario assumere un atteggiamento di rispetto e di adattamento. Ciò che soprattutto va seguito, da parte del viaggiatore, è un concetto “etico” del turismo ideale per non turbare né l’ambiente naturale del luogo visitato né le usanze sociali e religiose delle popolazioni locali.

 

 

 » Vaccinazioni.
Per accedere in taluni Paesi è necessario vaccinarsi contro alcune malattie particolarmente gravi. Informarsi presso il medico di famiglia sulla propria tolleranza ai vaccini ed al clima differente. Considerare il fatto che a volte le strutture sanitarie del Paese da visitare possono essere insufficienti. E’ raccomandabile un’assicurazione medico-sanitaria per evitare di sostenere elevate spese mediche in caso di necessità sul posto. Inoltre è necessario portare con sé adeguate scorte di medicinali.

 » Clima e abbigliamento.
Attenzione anche alle differenza di clima ed altitudine dei Paesi visitati, tenendo presente, ad esempio, che nei deserti non solo l’aria è generalmente molto secca, ma che avvengono escursioni termiche anche di svariate decine di gradi, che devono indurre a considerare con grande attenzione il tema dell’abbigliamento. I vestiti, le calzature ed i copricapi, d’altra parte, possono giocare un ruolo estremamente importante per lo svolgimento del viaggio, dovendo essere adeguati alle condizioni climatiche. Meglio evitare in linea di massima vestiti che possono essere scambiati per abbigliamento militare.

 » Alimentazione.
Per quanto riguarda l’alimentazione è necessario far attenzione a bere soltanto bevande imbottigliate ed aperte di fronte al turista, evitando il ghiaccio, e a non mangiare cibi crudi, non sbucciati o esposti per la vendita in condizioni antigieniche.

 » Oggetti di valore e valute straniere.
In molti Paesi le condizioni economiche sono estremamente critiche ed il turista occidentale è spesso l’oggetto preferito di scippi e rapine in quanto considerato a priori ricco. Non è bene esibire oggetti di valore e gioielli, macchina fotografica, denaro. In molti Paesi del mondo vigono strette regolamentazioni a volte legate a pene pesantissime, riguardanti l’importazione e l’esportazione della valuta locale, ed anche di oro, argento e diamanti. E’ sempre bene diffidare del cambio non ufficiale (oltre ad essere illegale alle volte vengono cedute banconote false o fuori corso).

 » Assistenza delle organizzazioni diplomatiche italiane
In varie circostanze è opportuno far conoscere all’autorità locale o alla rappresentanza dell’Ambasciata d’Italia il proprio itinerario. Il suggerimento di richiedere l’assistenza del Consolato d’Italia vale anche in caso di rapporti difficili con le Autorità militari o di polizia.

 » Siti di interesse archeologico e militare.
Vari Paesi sono molto sensibili alla presenza di stranieri in aree da loro considerate di interesse strategico e militare. Zone archeologiche o naturali anche importanti possono essere comprese in queste aree chiuse ai visitatori. Appare pertanto rischioso violare questi spazi proibiti ed essere sorpresi dalle Autorità con macchine fotografiche e videocamere. Anche fotografare stazioni ferroviarie, porti o aeroporti può essere considerata un’attività spionistica.

 » Viaggiare Nei Paesi islamici.
Nei paesi islamici è vietata l’importazione di alcolici e carne suina; in generale l’abbigliamento femminile deve essere adeguato, coprendo completamente gambe e braccia; in molti di questi Paesi vige il divieto per le donne di guidare qualsiasi tipo di veicolo ed il visto di entrata viene loro accordato se accompagnate da familiari di sesso maschile. Vi sono delle zone religiose o moschee in cui l’accesso è riservato esclusivamente ai musulmani. Vi possono essere anche delle zone destinate soltanto alle donne, e quindi vietate agli uomini (nei ristoranti, cinema ed in alcune spiagge). In molti paesi è severissima la normativa concernente il traffico ed il possesso di droga.